Questi i precetti del diritto: vivere onestamente, non offendere alcuno, dare a ciascuno il suo. Ulpiano

DIVORZIO E FAMIGLIA DI FATTO: DEFINITIVAMENTE ESCLUSO IL DIRITTO ALL'ASSEGNO DIVORZILE IN CAPO ALL'EX CONIUGE

"La instaurazione, da parte del coniuge divorziato, di una nuova famiglia, ancorché di fatto, rescindendo ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale, fa venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilità dell’assegno divorzile a carico dell’altro coniuge, sicché il relativo diritto non entra in stato di quiescenza, ma resta definitivamente escluso."

Continua a leggere
  349 Visite

DEFINIRE IL MARITO SEPARATO PUTTANIERE PUO' COSTITUIRE ESERCIZIO DEL DIRITTO DI CRITICA

“L’attribuzione dei connotato di puttaniere al proprio coniuge, per quanto di fatto separato e impegnato in una relazione extra-coniugale, può valere – oggettivamente e con tutti i connotati del dolo per chi pronuncia la espressione – a lederne la reputazione e dunque la considerazione sociale, soprattutto se quella attribuzione è avvenuta ad opera della ex moglie nel contesto di un colloquio all’interno della cerchia familiare, per la evidente necessità che il diritto alla reputazione trovi tutela per il singolo anche nella formazione sociale di base quale è la propria famiglia naturale.” Tale espressione colorita, nondimeno, ben potrebbe  argomentare un giudizio sulla persona offesa che, per quanto violento, rientri tuttavia nel perimetro della critica.

Continua a leggere
  329 Visite

INFEDELTA' DEL CONIUGE IN UNA SITUAZIONE DI CRISI MATRIMONIALE PREGRESSA

Spetta all’autore della violazione dell’obbligo di fedeltà la prova della mancanza del nesso eziologico tra infedeltà e crisi coniugale. L’infedeltà deve pertanto inserirsi in una situazione di crisi matrimoniale, connotata da disinteresse reciproco.

Continua a leggere
  636 Visite