Questi i precetti del diritto: vivere onestamente, non offendere alcuno, dare a ciascuno il suo. Ulpiano

RELAZIONE EXTRACONIUGALE, FILMATI PRIVATI E REATO DI DIFFAMAZIONE

Al fine dell’integrazione del delitto di diffamazione, non è necessario che la comunicazione offensiva con la pluralità di soggetti avvenga contemporaneamente con ciascuno di essi, potendo realizzarsi anche in tempi diversi, se rivolta a piu’ destinatari.

Continua a leggere
  889 Visite

IN TEMA DI INTERCETTAZIONI TELEFONICHE O AMBIENTALI QUALI FONTE DIRETTA DI PROVA

"Gli indizi raccolti nel corso delle intercettazioni telefoniche o ambientali possono costituire fonte diretta di prova della colpevolezza dell’imputato – e vieppiù, come nel caso, dell’indagato, ai fini di adozione della misura – e non devono necessariamente trovare riscontro in altri elementi esterni, qualora siano: a) gravi, cioé consistenti e resistenti alle obiezioni e quindi attendibili e convincenti; b) precisi e non equivoci, cioé non generici e non suscettibili di diversa interpretazione altrettanto verosimile; c) concordanti, cioé non contrastanti tra loro e, più ancora, con altri dati o elementi certi."

Continua a leggere
  603 Visite

IN TEMA DI SOTTRAZIONE E DI MANTENIMENTO DI MINORE ALL'ESTERO

"L’articolo 574 bis c.p., comma 1, si distingue dall’articolo 574 cod. pen. per l’elemento specializzante costituito dalla conduzione o dal trattenimento del minorenne fuori dal territorio dello Stato, per un tempo che produca un effettivo impedimento per l’esercizio delle diverse manifestazioni della potestà da parte del soggetto legittimato.
Il genitore che si propone di modificare il luogo di vita del minorenne non può procedere all’insaputa dell’altro genitore e, se non ne ottiene il consenso, deve rivolgersi all’Autorità giudiziaria, perchè il fatto stesso della compromissione dell’armonico esercizio delle prerogative genitoriali lede l’interesse protetto dalla norma l’incriminatrice: la limitazione di tali prerogative può derivare solo da una loro diversa distribuzione secondo una specifica valutazione degli interessi rilevanti formulata dalla Autorità giudiziaria competente."

Continua a leggere
  365 Visite

CONCESSIONE DI MISURA ALTERNATIVA ALLA DETENZIONE E ANALISI DELLA PERSONALITA' INDIVIDUALE

Per la concessione di una misura alternativa alla detenzione è richiesta l’analisi della personalità individuale e la verifica della sua evoluzione psicologica, "che, partendo dal fatto di reato, si deve estendere ai precedenti e alle pendenze penali, agli eventuali progressi compiuti dal condannato nel periodo successivo ed ai comportamenti precedenti e successivi alla condanna, sulla scorta dei dati conoscitivi forniti dalla osservazione scientifica e dalle valutazioni offerte dal servizio sociale, allo scopo di accertare l’idoneità della misura alternativa a contribuire al reinserimento sociale del condannato ed a contenerne la sua pericolosità sociale, se tuttora esistente.
Ne discende che, al fine dell’assunzione della decisione sull’adozione di misure alternative alla detenzione, il giudice deve fondare la statuizione, espressione di un giudizio prognostico sulle future condotte del condannato, sui risultati del trattamento individualizzato come emersi dall’esame scientifico della personalità e la relativa motivazione deve dimostrare, con preciso riferimento alla fattispecie concreta, l’avvenuta considerazione di tutti gli elementi previsti dalla legge."

Continua a leggere
  807 Visite

ABUSIVISMO EDILIZIO E STATO DI NECESSITA' QUANDO GRAVA UN PERICOLO DI DANNO ALLE COSE

In materia di abusivismo edilizio, non è configurabile l’esimente dello stato di necessità poichè difetta il requisito dell’inevitabilità del pericolo. La realizzazione della costruzione abusiva non può essere giustificata dalla mera necessità di evitare un danno alle cose.

Continua a leggere
  481 Visite

PERMESSO DI NECESSITA' E NASCITA DELLA FIGLIA DEL DETENUTO

"Ai fini della concessione del permesso di necessità previsto dalla L. 26 luglio 1975, n. 354, articolo 30, comma 2, (ord. pen.), devono sussistere i tre requisiti dell’eccezionalità della concessione, della particolare gravità dell’evento giustificativo e della correlazione dello stesso con la vita familiare; il relativo accertamento deve essere compiuto tenendo conto dell’idoneità del fatto ad incidere nella vicenda umana del detenuto."

Continua a leggere
  1035 Visite

IN TEMA DI MINACCIA: OCCORRE L'EFFETTIVA INTIMIDAZIONE DELLA PERSONA OFFESA?

"Ai fini dell’integrazione del delitto di minaccia, che ha natura di reato di pericolo, è sufficiente la mera esposizione a pericolo del bene giuridico, senza che si verifichi la effettiva lesione del bene: occorre, cioè, che il male prospettato possa incutere timore nel destinatario, secondo un criterio di medianità riecheggiante le reazioni della donna e dell’uomo comune con la conseguente lesione della sfera di libertà morale."

Continua a leggere
  1652 Visite

LA CONFESSIONE NON NECESSITA DI RISCONTRI INDIVIDUALIZZANTI

La confessione è soggetta, come tutte le prove orali, alla verifica dell’attendibilità, ma non vi è la necessità dell’acquisizione di riscontri “individualizzanti”, poichè non si applica, per le dichiarazioni contra se dell’imputato, la disciplina prevista dall’articolo 192  commi 3 e 4 del c.p.p..

Continua a leggere
  695 Visite

COLTIVAZIONE DI PIANTINE DI CANNABIS E PARTICOLARE TENUITA' DEL FATTO

Deve essere esclusa la particolare tenuità del fatto per colui che coltiva in serra piantine di cannabis.

Continua a leggere
  580 Visite

IN TEMA DI MALTRATTAMENTO DI ANIMALI CON CRUDELTA' O SENZA NECESSITA'

Il maltrattamento con crudeltà e senza necessità di cuccioli di cane, a cui siano state cagionate delle lesioni e che siano stati allontanati prematuramente dalla madre, ostacolandone la corretta crescita e l’adeguato sviluppo, configura la fattispecie di cui all'art. 544 ter c.p..

Continua a leggere
  357 Visite

IN TEMA DI LAVORO E MANSIONI NON RISPONDENTI ALLA QUALIFICA

Il lavoratore adibito a mansioni non rispondenti alla qualifica può chiedere giudizialmente la riconduzione della prestazione nell’ambito della qualifica di appartenenza. Egli non può rifiutarsi, senza avallo giudiziario, di eseguire quanto richiesto, dovendo osservare le disposizioni per l’esecuzione del lavoro impartite dall’imprenditore. Potrà pertanto invocare l’art. 1460 c.c. in caso di totale inadempimento del datore di lavoro, o quando capace di incidere in maniera irrimediabile sulle esigenze vitali del lavoratore.

Continua a leggere
  312 Visite

IN TEMA DI OMESSO VERSAMENTO IVA E SEQUESTRO PER EQUIVALENTE

In tema di omesso versamento Iva, il sequestro finalizzato alla confisca per equivalente è legittimo se è impossibile procedere alla confisca diretta, previa verifica.

"Se, nella fase funzionale, l’indagato vuole evitare il sequestro dei suoi beni finalizzato alla confisca per equivalente ha un onere di allegazione ed è tenuto ad indicare i beni sui quali sia possibile disporre la confisca diretta nei confronti della società."

Continua a leggere
  1307 Visite

TESTAMENTO OLOGRAFO E MANCATA DISPOSIZIONE IN FAVORE DEL FIGLIO NON RICONOSCIUTO DI CUI SI CONOSCEVA L'ESISTENZA

E' revocabile di diritto il testamento del defunto che lascia i suoi averi alla moglie, ai figli riconosciuti e ai nipoti, non contemplando la figlia che sapeva di avere avuto e che non aveva mai voluto riconoscere.

Continua a leggere
  602 Visite

DIRITTO DI CRITICA ED EPITETI QUALI FALSO, BUGIARDO, IPOCRITA E MALVAGIO ALL'INDIRIZZO DELL'AVVERSARIO POLITICO

"Il diritto di critica attiene ad un giudizio valutativo che trae spunto da un fatto ed esclude la punibilità di affermazioni lesive dell’altrui reputazione purché le modalità espressive siano proporzionate e funzionali all’opinione o alla protesta espresse, in considerazione degli interessi e dei valori che si ritengono compromessi...
Va, invece, esclusa l’applicabilità dell’esimente qualora le espressioni denigratorie siano generiche e non collegabili a specifici episodi, risolvendosi in frasi gratuitamente espressive di sentimenti ostili."

Continua a leggere
  387 Visite

APPROPRIAZIONE DI BENI DEI COLLEGHI DI LAVORO E AGGRAVANTE CONFIGURABILE

Si configura l'aggravante dell’abuso di relazioni d’ufficio se un lavoratore (nel caso di specie un docente) ruba il cellulare ad un collega che lo aveva poggiato su un armadietto.

Continua a leggere
  458 Visite

QUASI FLAGRANZA E INDICAZIONI DEL TESTIMONE

La "quasi flagranza" non sussiste se l’identificazione del ladro è avvenuta grazie alle indicazioni di un testimone oculare.

Continua a leggere
  634 Visite

IN TEMA DI VIOLENZA SESSUALE PER INDUZIONE AI DANNI DI MINORENNE PERPETRATA DA UN FALSO FOTOGRAFO

Il reato di induzione a compiere o subire atti sessuali con l’inganno per essersi il reo sostituito ad altra persona è integrato anche dalla falsa attribuzione di una qualifica professionale (ad es. quella di fotografo), rientrando quest’ultima nella nozione di sostituzione di persona di cui all’articolo 609 bis c.p..

Continua a leggere
  473 Visite

IN TEMA DI ABBANDONO DI PERSONE MINORI O INCAPACI E CONSAPEVOLEZZA DELLO STATO DI PERICOLO

Il reato di abbandono di persone minori o incapaci è integrato da qualsiasi condotta, attiva od omissiva, contrastante con il dovere giuridico di cura (o di custodia), gravante sul soggetto agente, da cui derivi uno stato di pericolo, anche meramente potenziale, per la vita o l’incolumità del soggetto passivo: è, però, necessario che sussista in capo all'agente l'elemento soggettivo del reato, consistente nella  consapevolezza che l’incapace sia esposto a tale stato di pericolo.

Continua a leggere
  326 Visite

OCCUPAZIONE DI ALLOGGIO IACP DA PARTE DI CHI AVEVA PRESENTATO ISTANZA DI ASSEGNAZIONE

"L’occupazione “sine titulo” di un alloggio in proprietà dell’Istituto autonomo case popolari integra il reato di invasione arbitraria di edifici anche nell’ipotesi in cui l’occupante abbia presentato una regolare istanza di assegnazione dell’immobile ed il relativo procedimento non sia stato ancora definito, atteso che l’elemento psicologico è integrato dalla consapevolezza dell’illegittimità dell’invasione dell’altrui bene e dalla finalità di occupazione o di trarne altrimenti profitto."

Continua a leggere
  746 Visite

COLTIVAZIONE DI DIVERSE PIANTE DI CANAPA INDIANA E CAUSA DI NON PUNIBILITA'

Può riconoscersi la causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto anche per la coltivazione di diciotto piante di canapa indiana.

Continua a leggere
  401 Visite
Privacy policy - Cookie Policy                         

Copyright © 2016-2021 by Studio Legale Piana - P. IVA: 02648510903