Questi i precetti del diritto: vivere onestamente, non offendere alcuno, dare a ciascuno il suo. Ulpiano

QUASI FLAGRANZA E INDICAZIONI DEL TESTIMONE

La "quasi flagranza" non sussiste se l’identificazione del ladro è avvenuta grazie alle indicazioni di un testimone oculare.

Continua a leggere

IN TEMA DI FECONDAZIONE ETEROLOGA E DISCONOSCIMENTO DELLA PATERNITA'

Il consenso del padre non è più revocabile quando sia stata ormai avviata la preparazione dell’embrione destinato all’impianto.

Continua a leggere

IN TEMA DI VIOLENZA SESSUALE PER INDUZIONE AI DANNI DI MINORENNE PERPETRATA DA UN FALSO FOTOGRAFO

Il reato di induzione a compiere o subire atti sessuali con l’inganno per essersi il reo sostituito ad altra persona è integrato anche dalla falsa attribuzione di una qualifica professionale (ad es. quella di fotografo), rientrando quest’ultima nella nozione di sostituzione di persona di cui all’articolo 609 bis c.p..

Continua a leggere

IN TEMA DI ABBANDONO DI PERSONE MINORI O INCAPACI E CONSAPEVOLEZZA DELLO STATO DI PERICOLO

Il reato di abbandono di persone minori o incapaci è integrato da qualsiasi condotta, attiva od omissiva, contrastante con il dovere giuridico di cura (o di custodia), gravante sul soggetto agente, da cui derivi uno stato di pericolo, anche meramente potenziale, per la vita o l’incolumità del soggetto passivo: è, però, necessario che sussista in capo all'agente l'elemento soggettivo del reato, consistente nella  consapevolezza che l’incapace sia esposto a tale stato di pericolo.

Continua a leggere

OCCUPAZIONE DI ALLOGGIO IACP DA PARTE DI CHI AVEVA PRESENTATO ISTANZA DI ASSEGNAZIONE

"L’occupazione “sine titulo” di un alloggio in proprietà dell’Istituto autonomo case popolari integra il reato di invasione arbitraria di edifici anche nell’ipotesi in cui l’occupante abbia presentato una regolare istanza di assegnazione dell’immobile ed il relativo procedimento non sia stato ancora definito, atteso che l’elemento psicologico è integrato dalla consapevolezza dell’illegittimità dell’invasione dell’altrui bene e dalla finalità di occupazione o di trarne altrimenti profitto."

Continua a leggere

COLTIVAZIONE DI DIVERSE PIANTE DI CANAPA INDIANA E CAUSA DI NON PUNIBILITA'

Può riconoscersi la causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto anche per la coltivazione di diciotto piante di canapa indiana.

Continua a leggere

IN TEMA DI PROSTITUZIONE E SPAZI PUBBLICITARI SUL WEB

Si configura il reato di favoreggiamento della prostituzione in capo a chi pubblica, acquistando appositi spazi su siti web, annunci pubblicitari di meretricio.

Continua a leggere

BANCAROTTA FRAUDOLENTA DOCUMENTALE E RESPONSABILITA' DELL'IMPRENDITORE CHE AFFIDA LA CONTABILITA' AD ESPERTI

"In tema di bancarotta fraudolenta documentale, l’imprenditore non è esente da responsabilità nel caso in cui affidi la contabilità dell’impresa a soggetti forniti di specifiche cognizioni tecniche, dipendenti o liberi professionisti, in quanto, non essendo esonerato dall’obbligo di vigilare e controllare le attività svolte dai delegati, sussiste una presunzione semplice, superabile solo con una rigorosa prova contraria, che i dati siano trascritti secondo le indicazioni fornite dal titolare dell’impresa."

Continua a leggere

IN TEMA DI CONTESTAZIONE DISCIPLINARE NEI CONFRONTI DEL LAVORATORE E DI IMMEDIATEZZA DELLA MEDESIMA

"Il principio dell’immediatezza della contestazione disciplinare, la cui ratio riflette l’esigenza dell’osservanza della regola della buona fede e della correttezza nell’attuazione del rapporto di lavoro, non consente all’imprenditore-datore di lavoro di procrastinare la contestazione medesima in modo da rendere difficile la difesa del dipendente o perpetuare l’incertezza sulla sorte del rapporto, in quanto nel licenziamento per giusta causa l’immediatezza della contestazione si configura quale elemento costitutivo del diritto di recesso del datore di lavoro."

Continua a leggere

SUPERARE LE CASSE DEL SUPERMERCATO E I DISPOSITIVI ANTITACCHEGGIO SENZA DICHIARARE LA MERCE OCCULTATA PUO' CONFIGURARE UN REATO NELLA FORMA TENTATA

Quando la cosa mobile non è uscita definitivamente dalla sfera di vigilanza del soggetto passivo si configura il tentativo di reato di furto. 

Continua a leggere

IN TEMA DI LICENZIAMENTO DA SCARSO RENDIMENTO E PROVA FORNITA DAL DATORE DI LAVORO

Onde legittimare il licenziamento da scarso rendimento il datore di lavoro deve provare rigorosamente il comportamento negligente del lavoratore; inoltre, deve provare che l’inadeguatezza della prestazione resa non sia imputabile all’organizzazione del lavoro da parte dell’imprenditore e a fattori socio-ambientali.

Continua a leggere

MALATTIA E LICENZIAMENTO DEL DIPENDENTE DI AZIENDA PRIVATA

Si tratta di licenziamento legittimo qualora il dipendente di un’azienda privata non abbia inviato entro il secondo giorno di malattia il relativo certificato.

Continua a leggere

IN TEMA DI REATO DI OMICIDIO NELLA FORMA DEL CONCORSO MORALE

"E’ configurabile il concorso di persone nel reato di omicidio nella forma del concorso morale quando il capo di un’organizzazione di stampo mafioso conferisca ai sodali il mandato generico per la soppressione di tutti i componenti di un clan rivale, o comunque di un gruppo di soggetti impegnati in attività criminose concorrenziali, poiché tale incarico è solo relativamente indeterminato, ma è determinabile in funzione dello scopo perseguito nell’ambito di un progetto specifico, deliberato nelle sue linee essenziali, dal momento che l’appartenenza alla formazione avversaria delimita l’ambito delle possibili vittime. Ne consegue che esso si distingue dal generico programma proprio dell’associazione di stampo mafioso, che proietta nel futuro la realizzazione di una serie imprecisata di reati solo genericamente ed astrattamente previsti."

Continua a leggere

RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE E DIRITTO AL CONTRADDITTORIO

La richiesta di archiviazione deve essere inviata alla parte offesa che ne ha fatto richiesta, pena la nullità del provvedimento assunto in assenza di contraddittorio.

Continua a leggere

DELITTO DI LESIONI PERSONALI STRADALI E PROCEDIBILITA'

Il nuovo reato di lesioni stradali è procedibile d’ufficio, non a querela di parte.

Continua a leggere

TRASFERIMENTO DI TERRENI PRIVI DI CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA ED EDIFICI PRIVI DEGLI ESTREMI DELLA CONCESSIONE: NON RILEVA LA BUONA O MALA FEDE DELL'ACQUIRENTE

Deve riconoscersi carattere assoluto alla nullità degli atti di trasferimento di terreni privi di allegazione del certificato di destinazione urbanistica e degli atti di trasferimento di edifici senza l’indicazione degli estremi della licenza o concessione ad “aedificandum”: il regime normativo, "mirando a reprimere ed a scoraggiare gli abusi edilizi, non dà alcun rilievo allo stato di buona o mala fede dell’acquirente".

Continua a leggere

DIRITTO DI CRITICA, DENUNCIA ALLE AUTORITA' COMPETENTI DELLA VIOLAZIONE DEL DOVERE DI IMPARZIALITA' E ARRESTO CEDU

 SENTENZA 21 settembre 2017, n.43139

E’ legittimo l’esercizio dell’esercizio del diritto di critica che, nel denunciare alle autorità competenti la condotta tenuta da un altro funzionario e ritenuta scorretta, utilizzi un linguaggio contenuto, limitandosi a prefigurare che il funzionario non avesse rispettato il proprio dovere di imparzialità.

Continua a leggere

IN TEMA DI VIOLENZA SESSUALE E ATTI SESSUALI REPENTINI

"L’elemento della violenza può estrinsecarsi, nel reato di violenza sessuale, oltre che in una sopraffazione fisica, anche nel compimento insidiosamente rapido dell’azione criminosa, tale da sorprendere la vittima e da superare la sua contraria volontà, così ponendola nell’impossibilità di difendersi. L’elemento oggettivo, oltre a consistere nella violenza fisica in senso stretto o nella intimidazione psicologica in grado di provocare la coazione della vittima, si configura anche nel compimento di atti sessuali repentini, compiuti improvvisamente all’insaputa della persona destinataria, in modo da poterne prevenire anche la manifestazione di dissenso.

Integra la fattispecie criminosa di violenza sessuale nella forma consumata, e non tentata, la condotta che si estrinsechi in toccamenti, palpeggiamenti e sfregamenti sulle parti intime della vittima, o, comunque, su zone erogene suscettibili di eccitare la concupiscenza sessuale, anche in modo non completo e/o di breve durata, essendo a tal fine irrilevante che il soggetto attivo consegua la soddisfazione erotica."

Continua a leggere

IN TEMA DI DETENZIONE DI SOSTANZE ILLECITE ED USO PERSONALE: ANCHE 75,5 DOSI MEDIE GIORNALIERE POSSONO COSTITUIRE UNA SCORTA PERSONALE

Riconosciuto l’uso personale al tossicodipendente trovato in possesso di 21 confezioni di marijuana, oltre ad eroina e cobret. Costui, iscritto presso i Servizi per le dipendenze, si era spostato dal piccolo centro alla grande città al fine di rifonire la propria scorta personale.

Continua a leggere

LOCAZIONE DI IMMOBILE: IN TEMA DI AUTO-REINTEGRAZIONE NEL POSSESSO IN SEGUITO AD AZIONE DI SPOGLIO

Non sussiste il delitto di esercizio arbitrario delle proprie ragioni ex art. 392 c.p. se l’agente usa violenza sulle cose allo scopo di difendere il diritto di possesso quando si verifichi un atto di spoglio, se nell’immediatezza di questo e per difendersi da un pericolo grave e imminente alla propria o altrui persona.

Continua a leggere
Privacy policy - Cookie Policy                         

Copyright © 2016-2021 by Studio Legale Piana - P. IVA: 02648510903